Shaman Elephant > Wide Awake but Still Asleep

Quattro anni fa avevamo lasciato gli Shaman Elephant con il buonissimo esordio Crystals, lavoro pregno di psichedelie e dilatazioni tipiche di quel rock anni 60 orfano delle visioni dei Jefferson Airplane. Il combo guidato dal cantante e chitarrista Erik Sejersted Vognstølen rimescola lievemente le carte in tavola in Wide Awake but Still Asleep, dando un…

Human Impact > Human Impact

Un supergruppo formato da Chris Spencer (Unsane), Chris Pravdica, Phil Puleo (Swans) e Jim Coleman (Cop Shoot Cop) fa notizia da sé e il primo lavoro degli Human Impact non poteva che esser circondato da un certo hype che, anticipiamo subito, viene in parte confermato dalle 9-10 tracce del lotto. In parte perché non c’è…

Tool > Fear Inoculum

Tra le regole non scritte delle recensioni vi è un comandamento: “Scrivi le recensioni in terza persona singolare”. Oggi no, non lo farò. Non è facile scrivervi di un lavoro atteso da lungo tempo, complesso e dalle molteplici sfaccettature. La situazione è notevolmente complicata dal fatto che ormai il web è pieno di pareri più o meno autorevoli sul disco in questione.

Hell and High Water > Neon Globe

    I tedeschi Hell and High Water sono un power trio di Amburgo dai suoni spiccatamente post-hardcore 90’s e dalle melodie che richiamano direttamente dei sentori à la Dinosaur Jr, June of 44 e primi – per carità – Placebo. Vocalmente, infatti, le ispirazioni sono più che palesi e le nenie svogliate tipiche di…

Marriages > Kitsune – 2012

I Marriages sono un gruppo nato da una costola dei Red Sparowes, dai quali si distaccano notevolmente soprattutto per genere, ispirazione e freschezza della proposta. Si tratta infatti di un heavy shoegaze ruvido e sognante, di ottima fattura, dominato da un basso travolgente e dai riff sempre ben misurati. I delay sono i padroni incontrastati…

Algiers > The Underside of Power

Figli di una Motown distopica, gli Algiers si sono fatti conoscere già nel 2015 con il loro debutto omonimo spiazzante. The Underside of Power conferma le potenzialità del combo anglo-americano e li eleva a Next Big Thing della musica di questo decennio musicale troppe volte già accusato di non riservare alcuno sprazzo di personalità o originalità musicale.…

Chelsea Wolfe > Hiss Spun

Sfido qualunque lettore di GOTR a trovare un compositore in grado di produrre con costanza nel tempo lavori interessanti, riuscendo impeccabilmente a rappresentare sotto forma di musica con peculiare sensibilità un messaggio, delle sensazioni, un’urgenza artistica sincera. Moltissimi degli artisti qui seguiti e ammirati, prima o poi sono incappati in quel che viene comunemente definito…

Nick Cave & The Bad Seeds > Skeleton Tree

“You fell from the sky, crash landed in a field.” Basta questa frase per introdurre il nuovo lavoro dell’ultimo vero bohémien del mondo della musica, quel Nick Cave che dopo aver sperimentato ogni forma di droga, blasfemia e esasperazione, si era quasi quietato con l’alterno Push the Sky Away. E invece no, il vero cantore…

Swans > The Glowing Man

È stupefacente constatare come gli Swans siano riusciti a creare un altro pezzo da 90 nel giro di così poco tempo. Ha dell’immondo tutto questo, dell’innaturale, sembra il figlio di un patto col diavolo che noi non potremo mai comprendere. The Glowing Man è il capitolo conclusivo del nuovo corso della creatura multiforme di Michael…