Destroy All Gondolas > Laguna Di Satana

Per chi non avesse capito il messaggio, dietro ai Destroy All Gondolas ed al loro debut album Laguna Di Satana c’è una prepotente voglia di dissacrare la provincia italiana partendo dalla loro città natia, Venezia, che sarà anche un’eterna città romantica ma che nasconde al suo interno un movimento hardcore da tempo pronto ad esplodere…

The Sade > Grave

Dopo un primo album veloce come una scheggia ed un secondo lavoro che rappresentava più un ponte tra l’irruente ed il posato, i veneti The Sade portano la loro concezione musicale al terzo passo o meglio nella tomba, con Grave. Un lavoro che risente ancora della furia rock’n’roll/stoner/punk degli esordi ma con una virata netta…

Uniform > Wake In Fright

Gli Uniform sono un malefico duo newyorkese dedito ad un industrial noise rock costruito su martellanti beat scaturiti dalla drum machine, voce cattiva from the outerspace ed una sfacciataggine decisamente punk. Wake in Fright è il secondo full-length ufficiale del gruppo, che ha registrato l’album per la indie label Sacred Bones Records e si appresta a spingere…

Atrament > Eternal Downfall

    Dopo il buon assaggio di DemoMMXV, uscito nel 2015, ci troviamo di fronte a questo debutto furioso e senza fronzoli dei californiani Atrament, i quali decidono di puntare tutto sulla negatività e l’ignoranza espressa in musica. Le undici tracce che compongono il lavoro sono fucilate alle spalle e mani nel tritacarne, ritmi veloci…

GOTR Awards 2016

Il 2016 è stato per molte persone e tanti fatti un anno decisamente disastroso, ma possiamo affermare che non lo è stato per la Musica. Sono tante le valide releases pervenute nella nostra Redazione, abbiamo fatto del nostro meglio per presentarvele aiutati da “nuove penne” e appassionati adepti, ecco dunque le nostre consuete liste di fine anno. Buona lettura, continuate a macinare sulla strada assieme a noi!

Into My Plastic Bones > A Symbolic Tennis Pot

Il suolo italico musicalmente parlando è fertile: i semi del noise rock hanno attaccato da tempo la nostra terra e, per quanto i gruppi rimangano nel sottosuolo, continuano a proliferare con grande qualità, tanto da abbagliare chi osa metterci la testa dentro per osservare una scena che possiamo considerare viva ed attiva più che mai.…