Tenue > Territorios

I Tenue vengono dalla Spagna e tramite una cordata di label pubblicano quello che per certi versi è la cosa migliore che potrete sentire nell’ambito DIY quest’anno. Se pensate ad un album di un’unica traccia che genere di appartenenza vi verrebbe in mente? Ad alcuni il black metal d’avanguardia e ad altri il progressive più…

Psychonaut / Sâver > Emerald EP

Il formato split in questo strano periodo pare stia dando enormi soddisfazioni, e anche sotto la label tedesca Pelagic Records abbiamo un’interessante release collaborativa che vede coinvolti i belgi Psychonaut e i norvegesi Sâver. Ambo le band cercano strade nuove ed interessanti partendo dal loro sound originario ed ampliandolo. Partiamo con il brano “The Great…

[PREMIERE] BLESSINGS: la nuova “Iron Hill” in anteprima

La band noise/hardcore svedese Blessings presenta in anteprima italiana per Grind On The Road il nuovo brano “Iron Hill”, tratto dall’album Biskopskniven, in uscita il 21 maggio per Pelagic Records. Formato da membri già attivi nella scena DIY e accomunati da un consistente background hardcore punk – Anchor, Gust, Disavow, Obstruktion, Nightbloomer, Amalthea, Gamla Pengar,…

Johan G. Winther > The Rupturing Sowle

Il musicista svedese Johan G. Winther, conosciuto nelle nostre pagine con il progetto Barrens, pubblica per la fidata Pelagic Records il suo lavoro solista The Rupturing Sowle. Il progetto, interamente strumentale, va oltre il concetto di genere, puntando su atmosfere fortemente contrastanti. Il disco infatti parte con una spiccata malinconia, con la terna iniziale “Outward Bound”…

Eraldo Bernocchi / Hoshiko Yamane > Mujo

In questo periodo di collaborazioni spicca senza dubbio quella tra Eraldo Bernocchi e Hoshiko Yamane. Il compositore italiano e la violinista giapponese nella loro unione artistica hanno rilasciato uno dei lavori più affascinanti dell’anno, Mujo. Chi legge da tempo Grind On The Road sa bene come noi abbiamo sempre seguito Eraldo nelle sue release negli…

Palm Reader > Sleepless

Giunti al quarto disco, in Sleepless i Palm Reader abbandonano il furore mathcore e post-core che tanto doveva ai Dillinger Escape Plan per lambire territori più intimisti sia stilisticamente che a livello di lyrics. Non mancano le sfuriate post-hardcore come in “Stay Down” che si avvicina ai lavori passati, ma notiamo sin da subito che…

Svalbard > When I Die, Will I Get Better?

Da sempre di difficile catalogazione, gli inglesi Svalbard raggiungono il disco della maturità con l’importante prova del terzo album. L’evoluzione del combo è palpabile fin dalle prime note di “Open Wound”: una melodia dal chiaro sapore shoegaze che esplode in un feroce refrain introduce When I Die, Will I Get Better? nel modo migliore possibile.…

GOTR VS Grandine Records

Dopo avere chiacchierato con Manuel della storica Shove Records continuiamo con la nostra serie di interviste ai responsabili di alcune etichette underground italiane. Oggi ci siamo rivolti ad una realtà appena nata nella città di Bologna: Grandine Records. Buona lettura! Come è nata Grandine Records? Grandine Records nasce dall’incontro di più band e individui, affini…