Preludium > Redemption

(Trascending Obscurity, 2014) 1. Soul Torment 2. Altars of Redemption 3. Incarnations 4. Root of Suffering 5. Circle of Life 6. The Seven Gates of Hell 7. Destiny of Mortals 8. Arena of Souls 9. Hatred Breeds Suffering 10. Sins of Mankind Ennesimo act black/death metal proveniente dalla Polonia. Fortunatamente non si tratta della solita…

Odem > The Valley of Cut Tongues

(Daemon Worship Productions, 2014) 1. Nails as the Weapon of Hatred 2. Cult of Flesh 3. Healing Catalepsy 4. Satanskin  Gli Odem sono una band russa assimilabile al grande filone del black/death metal, anche se stilisticamente e ideologicamente più vicina al black metal, dotata di una grande capacità espressiva e di una ferocia difficilmente eguagliabile;…

Carnifex > Die Without Hope

 I Carnifex fanno parte di quelle band statunitensi, nate nel periodo d’oro del deathcore, che avevano saputo dar vita ad opere di buon livello scegliendo sapientemente la giusta formula per unire violenza, pesantezza, groove e breakdowns di facile presa. Purtroppo, con il passare degli anni, si era denotato un certo calo sia a livello qualitativo…

Kyojin Daigyakusatsu > Muhaka

(Amputated Vein Records, 2014)  1. Torture of the Damned 2. Slamming Damnation 3. Fallen Mankind Toward Naraku 4. Black Plagues Among the Rashomon 5. A Circle of Awaiting 16 Torments 6. Kingdom of Throatfuck 7. Preta Lovers 8. Thy Martyrdom  Nati dall’incontro tra alcuni scafati musicisti della scena brutal americana e il talentuoso vocalist estremo…

Kampfar > Djevelmakt

(Indie Recordings, 2014) 1. Mylder 2. Kujon 3. Blod, Eder og Galle 4. Swarm Norvegicus 5. Fortapelse 6. De Dødes Fane 7. Svarte Sjelers Salme 8. Our Hounds, Our Legion   I norvegesi Kampfar, con la loro ventennale carriera alle spalle, non hanno certo bisogno di presentazioni: sono praticamente parte integrante della storia del black…