Fredag Den 13:e > Dystopisk Utsikt

Con Dystopisk Utsikt, il combo svedese dei Fredag Den 13:e sfora più di dieci anni di carriera e pretende un posto di spicco tra le band di punto del crust europeo, laddove in Svezia sono già un punto di riferimento. L’album è uscito per Deviance, EveryDayHate e Halvfabrikat Records, che sono un po’ le etichette…

Byonoisegenerator > Neuromechanica

Quanti di voi conoscono Perm? Penso pochi, in ogni caso è una freddissima città russa e proprio da questo luogo nascono i Byonoisegenerator, band slam brutal death metal. Fin qui niente di particolare, ma questo gruppo presenta una marcia in più rispetto ad altri, ovverosia il jazz. Questo Neuromechanica è il loro secondo album, vedremo se…

Aborted > Terrorvision

Se qualcuno mi domandasse quale, tra le formazioni death metal storiche, ritenga più in salute nel 2018 risponderei senza dubbio: Aborted! I belgi capitanati da Sven “Svencho” de Caluwé si sono dimostrati in grado di produrre ottimi album, rimanendo sempre in perfetto equilibrio tra modernità e vecchia scuola riuscendo addirittura a rinnovarsi senza mai perdere di…

Aorlhac > L’Esprit Des Vents

L’ondata black metal proveniente dalla Francia pare non abbia fine. Questa volta parliamo del nuovo album degli Aorlhac dal titolo L’Esprit Des Vents, pubblicato dall’ottima Les Acteurs de l’Ombre,un lavoro molto ben bilanciato e maturo, un passo avanti rispetto ai buoni La Cité des Ventsdel 2010 e À La Croisée Des Vents del 2008. Questa nuova fatica sembra…

AutoBlastinDog > PornoPhorno

Uscito a settembre per Professional Punkers, Cave Canem D.I.Y. (tramite cui era uscito pure il precedente Batracomiomachia) e Still Fucking Angry Records, PornoPhorno è il terzo lavoro in studio dei toscani AutoBlastinDog. A comporlo 14 piccole, affilatissime schegge affilate impazzite, che danno vita ad un lavoro di “comedy” mathcore problematico che da un lato si…

Deicide > Overtures of Blasphemy

Chiunque segua la scena death metal conoscerà per forza i Deicide, trattandosi di una band seminale del genere, e molto probabilmente sarà anche a conoscenza dello strampalato frontman Glen Benton, personaggio controverso dal carattere forte che spesso ha fatto parlare di sé sulle riviste e webzine metal per via dei battibecchi avuti con altre band…

Hyperwülff > Volume Two: The Divide

A tre anni dal primo capitolo Volume One: Erion Speaks, il duo bolognese degli Hyperwülff riprende la loro narrazione dell’Iperlupo e del pianeta Erion con Volume Two: The Divide, un viaggio cosmico extracorporeo, un movimento che prende le mosse dalla frammentazione, dall’estroflessione e dalla perdita di consistenza e diventa una quest di ricomposizione e ri-unione.…

Joliette > El Alphabiotista

I messicani Joliette, dopo un paio di anni senza uscite, tornano sulle scene con tantissimo entusiasmo. Innanzitutto è di quest’anno uno split con i Frameworks, poi un lunghissimo tour europeo che ha toccato in più tappe anche l’Italia, l’uscita del videoclip di “El Alphabiotista” e l’annuncio che la traccia andrà a far parte di un…

Kint > Stoned.Immaculate

Anticipato allo scadere dello scorso anno dall’ep B-Sides, registrato live, e dal videoclip di “Glass Bones”, Stoned.Immaculate è il primo full length dei Kint, band formata da componenti di The Death of Anna Karina e Redline Season, e il cui nome è una contrazione di kintsugi, quella pratica tutta giapponese di riparare i cocci con…

The Mild > Coffin Tree

Trio veneto che aveva già convinto con l’ep d’esordio Left to Starve, i The Mild tornano nuovamente sulle scene, dopo un paio di anni e mezzo di esperienza live e scrittura, con un full length ben più ambizioso, Coffin Tree, prodotto, come di consueto per gioiellini underground del genere, dalla classica cordate di etichette. Alle…

Bellini > Before The Day Has Gone

A quasi dieci anni di distanza dall’ultimo The Precious Prize of Gravity, il supergruppo italo-americano Bellini – con Agostino Tilotta e Giovanna Cacciola dei catanesi Uzeda, che nel frattempo hanno da poco festeggiato i 30 anni di attività con una festa che ha già il suo posto fisso nella storia, Alexis Fleisig dei Girls Against Boys…

Deadsmoke > Forest of the Damned

Dopo l’omonimo full length del 2016 e Mountain Legacy del 2017, usciti entrambi per Heavy Psych Records, i doomster italiani Deadsmoke tornano anche quest’anno con un altro convincente lavoro. Si tratta dell’elegantissimo Ep di due tracce, Forest of The Damned, uscito per la tedesca Let It Bleed Records. Una sorta di spin-off legato a filo…