Solaris > L’Orizzonte Degli Eventi

Certo, chi non è avvezzo ad ascoltare musica cantata in italiano o chi la snobba per partito preso, potrebbe avere grandi difficoltĂ  iniziali nell’approcciarsi al primo lavoro dei cesenati Solaris, L’Orizzonte Degli Eventi. Ma è una difficoltĂ  che dura giusto il tempo del primo ascolto, non tanto legata ai testi in sĂ©, ma piĂą probabilmente…

All Pigs Must Die > Hostage Animal

Sono sette anni che questo supergruppo calca le scene internazionali a colpi di ottimi dischi, rappresentando benissimo un suono in cui l’hardcore si è pressochĂ© fuso riscoprendo il metal e quel pizzico di gusto black metal e crust che non sta tanto nella musica ma negli artwork, nei testi e nell’immaginario che accompagna ormai questa…

Devangelic > Phlegethon

Iniziamo con un rapido “ripassino di storia”: per chi non lo sapesse i Devangelic sono una formazione italiana, dedita al brutal death metal piĂą feroce a quadrato figlio della scuola nordamericana che ha reso questo filone conosciuto in tutto il mondo. Formatisi nel 2012 per volere di Mario di Gianbattista (Vulvectomy e Corpsefucking Art) a…

Potence > L’Amour Au Temps De La Peste

Dopo un demo di un paio di anni fa, il supergruppo francese dei Potence, con membri, tra gli altri, di GeraniĂĽm e Daitro, si riaffaccia – o si presenta, fate voi – prepotentemente in scena con un full length sbalorditivo, L’Amour Au Temps De La Peste, coprodotto da una cordata di etichette, quelle che mantengono…

House of Broken Promises > Twisted

Veterani del rock californiano gli House of Broken Promises sono di ritorno con un EP targato Heavy Psych Sounds che propone innanzitutto due cover inedite (una dei Black Sabbath l’altra di Billy Squire) e poi tutta una serie di tracce che non lasceranno delusi i fans delle sonoritĂ  pesanti. Gli ex-Unida Mike Cancino alla batteria,…

Circle > Terminal

Alle volte il marchio di garanzia fornito da un’etichetta vale piĂą di qualsiasi altra cosa. Perchè se non fossero usciti per la Southern Lord, nemmeno dopo aver letto il presskit cento volte, o aver visto la photo session promozionale che li ritrae come dei glamster, mi sarei interessato all’ultimo lavoro dei finlandesi Circle, Terminal. Vi…

August Burns Red > Phantom Anthem

Nel 2017 è difficile trovare gruppi fedelmente metalcore che abbiano qualcosa da dire. Per fortuna ci sono ancora band come gli August Burns Red che sorreggono questo carrozzone ormai vuoto e desolato. Phantom Anthem è l’ottavo lavoro in studio per la band americana, veramente instancabile. Il loro sound è come al solito massiccio ed abrasivo,…

Exhumed > Death Revenge

Gli Exhumed rientrano a pieno titolo fra le band leggendarie che hanno sempre mantenuto alta la bandiera del death/grind divenendo a loro volta fonte di ispirazione per molte giovani formazioni in ambito extreme. Il nuovo arrivato, intitolato Death Revenge, rapisce subito l’attenzione grazie all’artwork accattivante che riporta alla mente i classici dell’horror e la “medicina…

Apes > Lightless

Il quintetto canadese degli Apes è una bella realtĂ  da seguire, come sempre piĂą spesso avviene ultimamente per quelle band che provengono da territori francofoni, tanto per la qualitĂ  musicale in sĂ©, quanto per la fisionomia composita e bastarda delle loro soluzioni. Dopo una demo e due tapes giungono quest’anno al full length d’esordio, Lightless,…

OnryĹŤ > MĹ«to

Il primo EP dei romani OnryĹŤ, uscito per la Everlasting Spew, è in qualche modo legato tematicamente a filo doppio con il folklore e la demonologia giapponese. Non un concept, chĂ© pur sempre di EP si sta parlando, ma giusto dei richiami che aiutano ad immergersi nel loro universo estetico. A iniziare dal moniker, OnryĹŤ,…

Algiers > The Underside of Power

Figli di una Motown distopica, gli Algiers si sono fatti conoscere giĂ  nel 2015 con il loro debutto omonimo spiazzante. The Underside of Power conferma le potenzialitĂ  del combo anglo-americano e li eleva a Next Big Thing della musica di questo decennio musicale troppe volte giĂ  accusato di non riservare alcuno sprazzo di personalitĂ  o originalitĂ  musicale.…

The Black Dahlia Murder > Nightbringers

Sono passati circa due anni dalla precedente opera intitolata Abysmal, ed ecco tornare alla ribalta i prolifici nonchĂ© ormai blasonati melodic death metallers The Black Dahlia Murder che si preparano, con il nuovo platter intitolato Nightbringers, a scuotere queste sonnecchiose giornate autunnali. “Widowmaker” mette subito in chiaro gli intenti della band presentandosi come brano energico…

Direwolves > The Great Year

A tre anni di distanza dal full length Aegri Somnia tornano in scena i francesi Direwolves con l’EP The Great Year. Sei tracce per quasi 20 minuti, uscito, come molte cose buone che arrivano dalla Francia, per la Throatruiner che conferma, album dopo album, la bontĂ  del proprio operato. Il post-hardcore dei Direwolves non è…

Arch Enemy > Will To Power

Sono passati tre anni, piĂą di quanto la band impieghi di solito per un nuovo album, dall’opaco War Eternal in casa Arch Enemy, il primo disco con Alyssa White Gluz alla voce. Il salto di qualitĂ  tanto agognato non avvenne in quel periodo, ma adesso con l’ex-Nevermore Jeff Loomis subentrato in pianta stabile al posto…