Todo Modo > Prega Per Me

Quando il gatto non c’è i topi ballano. Mutatis mutandis – magari con un’associazione zoologica differente – questo viene da pensare quando ci si approccia ai Todo Modo. Il terzetto milanese è infatti risultato della collaborazione tra l’attivissimo Xabier Iriondo, che ha percosso la seicorde in tutti i dischi che hanno reso gli Afterhours ciò…

Mastodon > Emperor Of Sand

Nuova attesissima fatica in casa Mastodon, una delle più grandi band del pianeta in ambito di musica heavy. La curiosità, ovviamente, era tanta, visto che il combo made in USA ci ha sempre abituato bene, grazie a dischi indimenticabili come Blood Mountain e Crack The Skye. Questo Emperor Of Sand segna il passaggio di consegne…

Farflung > Unwound Celluloid Frown

Il trio americano Farflung sforna un nuovo album in formato EP, Unwound Celluloid Frown, che continua il percorso di space-rock psichedelico iniziato fin dai lontani esordi del 1994. Tutto viene fatto imbastardendo il sound con iniezioni di acid-rock ed un pizzico di heavy-rock/stoner. I pezzi nella maggior parte dei casi sono lunghi e dispersi nei bui…

Fuoco Fatuo > Backwater

L’Italia, si sa, ha una grande tradizione di sonorità horrorifche: a partire dagli anni ’70 con i Goblin, legati indissolubilmente alle pellicole di Dario Argento, fino ad arrivare ai Death SS, che con il loro horror metal hanno fatto scuola, passando per formazioni più puramente black metal come i Mortuary Drape o i misteriosi Oltretomba…

Slowdive > Slowdive

Al revivalismo che negli ultimi anni ha interessato lo shoegaze mancavano all’appello giusto gli Slowdive. Nel complesso panorama attuale troviamo da un lato la corrente nu gaze capitanata dagli A Place to Bury Stranger e Silversun Pickups, dall’altro intromissioni in generi anche parecchio distanti (black e hardcore) e infine una sequenza di reunion che ha…

Kollapse > Angst

I Kollapse sono un quartetto danese (per la precisione di Aalborg) formato nel 2012, che giunge oggi all’esordio sulla lunga distanza, dopo la pubblicazione di due split. Sulla loro pagina Facebook gli scandinavi affermano di non preoccuparsi di essere incastonati in un genere ben preciso, ed in effetti questo Angst raccoglie diverse influenze. Fondamentalmente, però,…

Doctor Cyclops > Local Dogs

Album numero due per gli italiani Doctor Cyclops, che, a distanza di circa cinque anni dal debutto, si ripropongono al pubblico con un nuovo LP. Local Dogs, questo il titolo del disco, trasuda atmosfere settantiane, vintage, e profuma di quell’heavy rock/blues, contaminato da stoner e psichedelia, che sta trovando negli ultimi anni una sorta di nuova…

Nadsat > Crudo

Dopo il convincente EP d’esordio Terminus, il duo emiliano Nadsat, chitarra e batteria – i bassisti, si sa, sono cosa rarissima –  è tornato con un nuovo lavoro, Crudo. Le coordinate sono più o meno le stesse, quelle di un math inquieto e selvaggio. Ciò che è cambiato è l’approccio. Se il precedente lavoro era…

Artificial Brain > Infrared Horizon

Assegnare agli Artificial Brain partita vinta da subito è una tentazione non da poco, eppure qui come molte altre volte è necessario resistere e non cedere fin da subito al pregiudizio. Esattamente quello che vorrebbe, dopo un album massiccio, innovativo e senza compromessi quale Labyrinth Constellation, questo Infrared Horizon come miglior disco (technical) death metal uscito finora nel 2017.…

Qudreta > Qudreta

Si inserisco all’interno della scena noise rock nostrana i Qudreta, una recente band di Cuneo che si presenta con un album anonimo formato da solo cinque tracce, un’opera breve ma perfettamente funzionale come biglietto da visita di questo power trio. I Qudreta si rifanno al più classico del noise rock, ovvero quel bel blues distorto…