Cenotaph > Perverse Dehumanized Dysfunction

Per i meno avvezzi al genere in questione: i Cenotaph rappresentano una certezza in fatto di qualit√† musicale. Alfieri e pesi massimi del brutal death turco (Ankara) i nostri tornano finalmente dopo sette anni dal magnifico Putrescent Infectiuos Rabidity con un lavoro che segna un nuovo ed ennesimo percorso per la band. Ennesimo perch√© nel…

Marduk > Viktoria

Inarrestabile ed instancabile, la macchina bellica svedese che risponde al nome di Marduk sforna dalla fucina infernale un disco nuovo di zecca intitolato Viktoria, il cui artwork spartano ma estramente efficace fornisce subito un‚Äôidea delle tematiche che verranno affrontate nel disco. Viktoria risulta essere un platter dal minutaggio decisamente esiguo (una mezz‚Äôoretta abbondante), rispetto a…

Zeal & Ardor > Stranger Fruit

Non avevamo dubbi, almeno un motivo per tornare a scrivere di Manuel Gagneux ci doveva essere e cos√¨ √® stato. Partiamo dal presupposto che Stranger Fruit non √® un disco artificioso e acchiappa hipster come alcuni in rete vorranno farvi pensare. Vogliamo poi spostare subito il focus sulla qualit√† di ci√≤ che ascoltiamo, prima di giudicare…

Nomura / Nulla+ > Impronte/Lacrime

Impronte/Lacrime √® uno split album composto da due brani dei Nomura e tre dei Nulla+,¬† coprodotto da The Triad Rec, Italian Extreme Underground, Nothing Left Records e Boned Factory. Entrambe le band, sebbene con sfumature differenti, mescolano elementi black metal con hardcore¬†e punk, creando cos√¨ un prodotto versatile, in attesa dell‚Äôuscita dei loro rispettivi full…

Bleeding Through > Love Will Kill All

Dopo un annuncio a sorpresa tornano sulla scena del crimine i californiani Bleeding Through, dopo aver annunciato lo scioglimento nel 2013¬†lasciando un po‚Äô di amaro in bocca a tutti i fan. I Nostri, per i pochi che non lo sanno, sono stati i paladini della prima ondata metalcore¬†mondiale. Love Will Kill All¬†sancisce il ritorno di…

Taste of Greed > Irreversible

A tre anni di distanza dall’ep d’esordio The Feast, il quintetto tedesco dei Taste of Greed d√† alla luce il primo full length, Irreversible, incarnazione perfetta del paradigma del metal moderno. Un thrash muscoloso orientato decisamente verso le esperienze groove e che non tralascia di richiamare certe cose melodic death. Pantera, Machine Head, Exodus, In…

TesseracT > Sonder

I TesseracT¬†sono una di quelle band che si sono costruite nel tempo creando, sperimentando e portando al limite il loro muro musicale. Sono considerati tra i padri fondatori del djent, ma ovviamente la loro musica non √® solo djent, anzi molto di pi√Ļ. Questo quarto lavoro √® differente dagli altri e pertanto hanno deciso di…

Wolvhammer > The Monuments of Ash & Bone

Quarto disco in dieci anni di carriera per i Wolvhammer, forse i migliori rappresentanti ‚Äď sicuramente i migliori negli Stati Uniti ‚Äď dell’ibrido tra sludge e black che oggi ci suona quasi ‚Äúnaturale‚ÄĚ ma che, ai tempi di The Obsidian Plains (il disco con cui si fecero conoscere dall’underground mondiale, nel 2011), era decisamente meno…

Fotocrime > Principle of Pain

Dopo l‚Äôesaltante esordio con l‚ÄôEP Always Hell and Always Night il trio dark post-punk dei Fotocrime ha finalmente pubblicato il primo album dal titolo, per l‚Äôetichetta Golden Antenna. Il lavoro si presenta come un vigoroso ritorno al sintetizzatore unito al suono altrettanto vigoroso e rock della chitarra ‚Äď merito soprattutto del geniale talento del polistrumentista…

Chivàla > EP

La Puglia √® sempre stato un eccellente serbatoio e luogo di produzione per quanto concerne l’hardcore e le sue declinazioni. I baresi Chiv√†la, con questo EP d’esordio, uscito per Emocat Records, Strigide records, Nothing Left, Dreaming Gorilla, Boned, Santapogue Media e Dischi Decenti, confermano la regola. Facendo propria l’enorme stagione d’oro dello screamo / post-hardcore…