Condemned > His Divine Shadow

Impossibile negare che il 2017 sia e sarà un anno d’oro per quanto riguarda il metal estremo: grazie ad interessanti nuove rivelazioni e al ritorno in pompa magna di realtà ben più note non c’è che l’imbarazzo della scelta se si vuole ascoltare del buon death metal. I Condemned hanno sempre prediletto la qualità alla…

Hark > Machinations

Secondo full-length per gli scozzesi Hark, classico esempio di stoner rock arricchito da venature sludge. Se parliamo in termini di stile, Machinations non si discosta poi molto dal precedente Crystalline, che pare una specie di prototipo dell’attuale album, magari meno spontaneo ma più ruvido. Possiamo dire quindi in generale che gli Hark sviluppano un sound carico,…

Ancst > Furnace

  Instancabili, gli Ancst tornano con questo EP a meno di un anno dal full-length Moloch: in cinque anni è la loro quindicesima release, una sorta di bulimia compositiva che sinora, però, ha mantenuto livelli più che discreti. Ciò può dirsi per questo Furnace, che segue davvero da vicino la precedente uscita: le coordinate su…

Code Orange > Forever

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando i Code Orange erano ancora Kids e pubblicavano l’EP Cycles. Da lì a poco sarebbero approdati alla Deathwish, giungendo alla ribalta con gli album Love is Love / Return to Dust, ancora sotto il moniker di Code Orange Kids, e con I Am King. Nel…

Hyenas > Deadweights

In un genere così saturo di band come l’hardcore è veramente difficile emergere, ma gli scout della Pelagic Records, come al solito, sono stati bravi a pescare bene dal mucchio oceanico di gruppi clone. Dalla fredda Germania, più precisamente dalla bella Norimberga, l’etichetta teutonica ci introduce questo quartetto dal nome Hyenas. Il loro noise hardcore…

Scuorn > Parthenope

Parthenopean epic black metal: una di quelle definizioni che, prese di per sé, contengono un’alta probabilità di guadagnarsi la diffidenza dell’ascoltatore. Il rimando è, di riflesso, a tutta quella serie di band la cui ragion d’essere si esaurisce nell’ampollosa accozzaglia di note (nei brani) e di aggettivi (nelle cartelle stampa). La diffidenza si accentua considerando…

Born Of Osiris > The Eternal Reign

Gli americani Born Of Osiris non potevano aspettare momento migliore per celebrare l’album che li ha lanciati nell’olimpo del metal tecnico ed estremo. The Eternal Reign non è altro che una ristampa della loro prima fatica, The New Reign, uscita ormai dieci anni or sono. Per l’occasione il disco è stato riregistrato con una nuova…

Fides Inversa > Rite of Inverse Incarnation

Il nuovo lavoro dei romani Fides Inversa è un opera dalla doppia anima. L’EP sotto analisi si intitola Rite of Inverse Incarnation, ed è composto da soli due brani, per una durata complessiva di quasi venti minuti. Il black metal del duo nostrano si tinge, nell’iniziale”First Congress”, di tanti piccoli colori, denotando una certa volontà di…

Emptiness > Not For Music

Nothing But The Whole dei belgi Emptiness era stato, nell’ormai lontano 2014, una scoperta interessante. La loro era una proposta inusuale individuabile con molta fatica in un oscuro e distorto blackened death metal: atmosfere da brividi lungo la schiena e sudore freddo, vocals cavernose a declamare storie agghiaccianti. Si trattava di un lavoro richiedente particolare attenzione ed occhio per…