The Chant > Approcher

Approcher è il secondo EP nel giro di tre anni dei finlandesi The Chant, che segue il controverso New Heaven del 2014. Il sound, pur rimanendo pregno di malinconia ed atmosfera, enfatizza un approccio decisamente più elettronico alle composizioni aprendo nuove vie al sestetto nordico. Se di base le sonorità puntano a certo post-rock/shoegaze con un deciso gusto melodico…

american > Violate and Control

Duo proveniente da Richmond, Virginia, gli american (sì, in minuscolo) tirano fuori un’altra bestia immonda per straziare le nostre orecchie. I due baldi redneck avevano esordito con l’ottimo Coping With Loss nel 2014 (se non lo conoscete, recuperatelo), e a distanza di tre anni fanno il bis con un disco destinato a popolare i vostri…

The Acacia Strain > Gravebloom

Nonostante i continui cambi di formazione, dopo qualche anno dall’ultimo lavoro sembra che gli americani The Acacia Strain abbiano trovato una certa stabilità e forti di una line-up consolidata arrivano all’ottavo album Gravebloom. Etichettata da molti, probabilmente erroneamente, come deathcore, la band ha invece un suo modo di esprimersi mescolando diversi ingredienti nel proprio calderone…

Emil Amos > Filmmusik

Emil Amos è conosciuto dai frequentatori dei nostri lidi per militare in band come Om e Grails nel ruolo di batterista. Il musicista è in realtà un vero e proprio polistrumentista che negli anni ha scritto una infinità di brani sia dal sapore elettronico con i Lilacs & Champagne che dal mood più intimista con…

Danzig > Black Laden Crow

Black Laden Crow, undicesimo album in studio nella carriera di Danzig, è composto da nove brani ed una buona parte di essi sono molto lenti ma non privi di assoli e riff dove Tommy Victor (Prong) riesce a coagularsi bene con la voce di Glenn, accompagnandolo in ogni momento ed evidenziando ciò che ha sempre…

Loss > Horizonless

Dopo innumerevoli split, demo ed un primo album datato 2011, il quartetto di Nashville denominato Loss torna sulla scena con un nuovo lavoro, chiamato Horizonless. L’album non tenta di nascondersi dietro a scenografie sonore per risultare appetibile e cool ma va diritto al punto presentando un mastodontico macigno funeral doom metal nerissimo ed angosciante. Tralasciando…

Tombs > The Grand Annihilation

Il quarto album dei Tombs rappresenta il debutto dei newyorchesi su Metal Blade, dopo la fine del lungo sodalizio con la Relapse. The Grand Annihilation è anche il l’esordio sulla lunga distanza per la nuova formazione messa insieme da Mike Hill, dopo (l’ennesimo) rimescolamento seguito a Savage Gold. Un anno fa, l’EP All Empires Fall…

Clustersun > Surfacing to Breathe

Giunti alla ribalta con l’album di esordio, Out of Your Ego, che gli fece guadagnare attenzione internazionale – si veda il tour statunitense di supporto al disco o la partecipazione a due delle seguitissime compilation di cover promosse da The Blog that Celebrates Itself – i catanesi Clustersun tornano a tre anni di distanza con…